Presentato il Gran Trofeo d’Oro della Ristorazione Italiana

Un’importante missione per il settore turistico – alberghiero, quella di farsi ambasciatore dell’alta cucina e dell’enogastronomia bresciana di qualità, in Italia e all’estero. I migliori allievi ed insegnanti delle scuole alberghiere e dei Centri di Formazione professionale nazionali ed europei si sfideranno dal 26 febbraio al 1° marzo 2011, in occasione della quinta edizione del “Gran Trofeo d’Oro della Ristorazione Italiana”, riconosciuto a livello nazionale come il migliore concorso a scopo didattico del settore. Organizzatori della prestigiosa competizione, ospitata dal Centro Fiera del Garda di Montichiari, l’Assessorato all’Agricoltura, Alimentazione e Agriturismo della Provincia di Brescia, l’Upi, Unione delle Province Italiane, Gambero Rosso, in collaborazione con Cast Alimenti – La Scuola di Cucina e Alma, la Scuola internazionale di cucina italiana, con il sostegno del Miur, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e del Mipaf, Ministero per le Politiche Agricole e Forestali. Media – partner dell’evento Club di Papillon. L’edizione 2011 del concorso è patrocinata dal Comitato Italia 150, in concomitanza con la celebrazione dei centocinquant’anni dell’Unità nazionale, nell’ambito di una densa stagione di eventi, “Esperienza Italia”, nella doppia cornice di Officine Grandi Riparazioni e della Reggia di Venaria Reale.
Logo Gran Trofeo“Il Gran Trofeo d’Oro della Ristorazione Italiana – ha commentato l’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Brescia, Francesco Tomasoni, durante la presentazione di questa mattina a Villa Barboglio, sede dell’assessorato – rappresenta un’idea vincente e di successo, un’ottima occasione di crescita didattico – professionale per centinaia di studenti e professori che, avvalendosi del prezioso contributo dei grandi maestri della gastronomia italiana, valorizzano le produzioni agricole bresciane nell’interpretazione dei piatti principe della nostra tradizione culinaria”. Ventisei istituti italiani ammessi al concorso accanto a quattro europei, per un totale di duecentodieci concorrenti chiamati a sfidarsi nella realizzazione di una proposta gastronomica tipica, connubio tra il territorio bresciano e il territorio di appartenenza delle squadre stesse. Il Presidente della Repubblica omaggerà la squadra vincitrice di un premio speciale. Una kermesse di assoluto pregio, sostenuta con forza dalla Provincia di Brescia, con l’obiettivo di trasmettere ai futuri cuochi le peculiarità enogastronomiche del territorio e, al contempo, di imprimere una forte spinta produttiva al settore agroalimentare, legato direttamente al comparto del turismo.

Adriano Baffelli

Articoli recenti

Archivi